SMM

Per utilizzare al meglio i social network, come canali di comunicazione e generatori di nuove opportunità.

Cos’è il SMM? Il Social Media Marketing è un insieme di strategie e attività che supporta aziende, professionisti e associazioni nel delicato compito di rappresentarsi sui social network e media più diffusi, come Facebook, YouTube, Instagram, Twitter, Pinterest, Google Plus, Flickr, Tumblr, etc.

Social Media MarketingPerché essere presenti sui social? Per avvicinare gli utenti all’azienda, per avere un canale di comunicazione diretto con il pubblico digitale, per conoscere bisogni e opinioni delle persone e per attirare potenziali clienti verso il sito web.

Tutti i social vanno bene? Dipende. Tenere aggiornate con regolare frequenza molte pagine su diversi canali spesso può essere complicato e dispendioso. Molto meglio fare una valutazione realistica, selezionare i social network più funzionali e promettenti rispetto agli obiettivi del progetto e concentrare gli sforzi nel mantenerli aggiornati con creatività e regolarità.

Otto fattori essenziali del SMM. Una buona ricetta di marketing per i social network si basa su otto ingredienti fondamentali: analisi, piano editoriale, attivazione della pagina, creazione del pubblico, aggiornamento, gestione, integrazione, monitoraggio.

  1. L’analisi strategica preliminare serve a individuare quali sono i social network più adatti alle caratteristiche dell’azienda e al suo settore. Viene fatta inoltre un’indagine sul pubblico di riferimento e vengono studiati casi di successo nell’ambito in cui si muove l’azienda.
  2. Fondamentale è la stesura di un piano editoriale, che servirà a definire: le tipologie di post che dovranno essere pubblicati, le metodologie di produzione dei contenuti, la programmazione delle attività e la calendarizzazione delle pubblicazioni.
  3. L’attivazione della pagina o canale è un passaggio spesso sottovalutato: in molti casi (ad esempio su Facebook) è importante selezionare la tipologia corretta di pagina che si vuole aprire e utilizzare elementi grafici (icona, cover, etc.) ottimizzati e coordinati con l’immagine aziendale.  
  4. Una volta aperto lo spazio social bisogna creare il pubblico. L’analisi effettuata in fase preliminare ci tornerà utile per configurare attività e campagne che ci consentiranno di costruire l’audience ideale, in target con i temi che andremo a trattare.
  5. I social vivono di aggiornamento: l’attività sulla pagina dunque dev’essere basata su una pubblicazione regolare e costante. La frequenza dell’aggiornamento è importante ma non è il primo fattore: non è necessario (anzi, potrebbe essere controproducente) postare ogni giorno, molto più importante è la regolarità di pubblicazione.
  6. Quando parliamo di gestione della pagina (o del canale o dell’account) intendiamo quell’insieme di attività volte a interagire con il pubblico: rispondere ai commenti, ai messaggi privati, ai post degli utenti, etc..
  7. Oggi esistono molteplici strumenti automatici e strategie editoriali per integrare i social con siti web e blog, così da ottenere un engagement potenziato e mirato a convogliare traffico di utenti lì dove si ritiene sia più utile ai fini della conversione (vendita, acquisizione contatti, etc.)
  8. L’attività di monitoraggio delle statistiche è particolarmente utile per capire cosa piace di più al pubblico e quali risultati stiamo ottenendo nell’ambito complessivo del progetto di visibilità sui social.

Contattaci per maggiori informazioni o per un preventivo gratuito

I campi con * sono obbligatori
Nel sottoscrivere il seguente modulo consento espressamente che i miei dati personali forniti siano oggetto di trattamento ai sensi del D.Lgs n° 196/2003